Metodo BIM.

Interconnessa.

BIM.
Progrettare digitale con Rigips.

Scoprite i vantaggi del metodo BIM e come integrare con semplicità i sistemi Rigips nel vostro progetto CAD.

Per prima cosa modellare, simulare e ottimizzare, poi costruire

Nonostante non si sia ancora giunti al punto di poter gestire autonomamente interi progetti edilizi servendosi di robot e di intelligenze artificiali, la digitalizzazione ha ormai raggiunto il mondo delle costruzioni. Ad assumere un ruolo centrale in tale contesto è il «Building Information Modeling», in breve «BIM». Con il crescente impiego di questo metodo basato su software, anche per le imprese di pittura e di gessatura la digitalizzazione si trasformerà in una necessità imprescindibile nelle procedure di bando, offerta e appalto. 

Cos'è il BIM e perché il BIM?

Building Information Modeling (in breve: BIM) descrive un nuovo metodo integrale di progettazione, esecuzione e gestione digitale di edifici e altre opere di costruzione con l’ausilio di un software. In tal contesto tutti i dati di rilievo di un manufatto architettonico sono acquisiti, modellati e combinati tra loro in formato digitale. 
Con questa «metodologia costruttiva basata su modelli» non è più sufficiente redigere un capitolato d’opera, allegare i disegni e fare l’offerta sulla scorta di detta documentazione. I soggetti appaltanti necessitano altresì di informazioni come, ad esempio: rappresentazioni 2D e 3D delle strutture e dei particolari costruttivi, dati di prodotto e relazioni di prova dettagliati in merito alla protezione acustica e antincendio, nonché certificati inerenti la compatibilità ambientale, la sostenibilità e l’energia grigia. 
Nel far ciò il focus è sempre concentrato sulla condivisione e sulla trasparenza. Il successo di un progetto si basa sulla sua comprensione come insieme unico e sul raggiungimento di una cooperazione integrata di tutte le parti coinvolte. Infatti con il metodo BIM quest’ultime possono approfittare di maggiore trasparenza, efficienza e sicurezza economica.

 

BIM non è il futuro, è già il presente.

Max Kistler, membro della direzione della Max Schweizer AG e membro del consiglio direttivo dell’ASIPG 

 

Quali sono i vantaggi offerti dal BIM?

  • Incremento della produttività nel processo di progettazione 
  • Certezza di costi e sicurezza progettuale 
  • Prevenzione di errori di progettazione 
  • Migliore raffronto e verifica incrociata delle informazioni disponibili grazie a una base comune di dati ​attualizzati 
  • Riduzione dei costi complessivi (compresa la minimizzazione di quelli successivi)
  • Qualità più elevata del progetto e conseguente miglioramento della competitività

Rigips-Library e BIM-Library su buildup.ch

Rendere la progettazione digitale più confortevole, più sicura sotto l’aspetto progettuale e più efficiente è uno degli obiettivi principali di Rigips. Per questa ragione il pioniere della costruzione a secco studia e sviluppa già oggi soluzioni interoperabili in formato IFC. Architetti e progettisti possono così accedere in toto alla competenza concentrata di Rigips nel campo delle costruzioni. 

Per molti elementi costruttivi sono disponibili soluzioni di sistema Rigips compatibili BIM che possono essere implementate con gran facilità nel modello grafico già dalle prime fasi di progettazione. Si ha quindi accesso digitale a tutti i dati costruttivi e di prodotto da utilizzare poi con semplicità e comodità per le valutazioni delle quantità e dei costi, nonché per redigere gli elenchi delle prestazioni. 

Troverete le informazioni sui nostri elementi costruttivi direttamente nella pagina del sistema da voi prescelto utilizzando la funzione  Ricerca sistemi  oppure tramite il portale di  buildup.ch 

Vi abbiamo già preparato più di 8.000 file di sistema (record in formato IFC).

Il nostro reparto di assistenza tecnica è a vostra completa disposizione per qualsiasi domanda sul tema BIM. 

Arrivare passo dopo passo
ai file BIM di Rigips

  1. Selezionare il sistema desiderato
  2. Informazioni sul sistema: selezionare il link BIM
  3. Su buildup.ch: selezionare il generatore di file IFC 
  4. Configurare il record IFC
  5. Inserire il record nell'elemento costruttivo
     

Esempio con Allplan      

Esempio con Vectorworks

Esempio con Revit

Building Information Modelling (BIM)